E’ la specializzazione dell’odontoiatria che si occupa della prevenzione e del trattamento delle anomalie di posizione e di sviluppo dei denti e dei mascellari.

E’ la specializzazione dell’odontoiatria che si occupa della prevenzione e del trattamento delle anomalie di posizione e di sviluppo dei denti e dei mascellari.Gli obiettivi fondamentali riguardano da un lato un corretto allineamento dei denti nella bocca, dall’altro una funzione masticatoria corretta ed una migliore estetica del viso. Tali obiettivi si raggiungono attraverso diverse fasi di trattamento e tramite l’utilizzo di una serie di apparecchiature da applicare in via temporanea. Si tratta di “Apparecchi removibili”, realizzati in resina, che possono avere differenti colorazioni e inglobare viti e ganci di varia forma e dimensioni ed essere associati in caso di terapia funzionale a delle trazioni extraorali, e “Apparecchi fissi”, costituiti da attacchi ortodontici direttamente applicati sui denti nei quali vengono inseriti, di volta in volta, fili di diametro e forma diversi.

Alla luce delle più recenti acquisizioni dell’ortodonzia intercettiva, si consiglia una prima visita ortodontica in un’età compresa tra i 4 e 6 anni. Questa permette di valutare:

  • il tipo di crescita maxillofacciale
  • le abitudine viziate (succhiamento delle dita, respirazione orale, deglutizione infantile)
  • l’affollamento dei denti erotti
  • la presenza di eccessivi diastemi
  • il morso incrociato mono o bilaterale
  • il morso aperto o morso coperto

La prima fase di trattamento, detta terapia intercettiva, è una forma di cura ma anche di prevenzione di malattie che si stanno manifestando e con la crescita si renderanno evidenti. Queste, se non corrette in fase di crescita, potranno complicare notevolmente i futuri trattamenti.

La terapia intercettiva NON SI OCCUPA DEI DENTI, ma solo delle basi dove i denti si alloggiano: correggendo queste, i denti trovano da soli una sistemazione migliore.

La seconda fase, detta terapia ortodontica, inizia di solito ad eruzione completa dei denti permanenti, e permette di correggere le anomalie di allineamento dentale. In questi casi invece è necessario intervenire a fine crescita (1314 anni) con un allineamento dentale per perfezionare l’occlusione e creare un bel sorriso in un viso reso già bello e proporzionato.

Rispetto al trattamento tradizionale, che si inizia a questa età senza aver mai fatto nulla prima per intercettare i problemi, la terapia ortodontica fissa è molto più semplice, meno impegnativa e di breve durata: si tratta solo di allineare i denti correggendo qualche rotazione e spostamento ma senza intervenire pesantemente sulla masticazione, senza estrarre elementi per fare spazio e senza timore che tolto l’apparecchio i denti possano tornare indietro.

Da un punto di vista estetico, la correzione di determinate malocclusioni porta ad evidenti miglioramenti nell’armonia facciale con indubbi vantaggi anche di tipo psicologico. Ciò é particolarmente evidente per i pazienti adulti, ai quali è possibile eseguire una cura ortodontica indipendente dell’età, allo scopo di migliorare l’estetica del viso e la funzionalità masticatoria.Ricordiamo che l’ortodonzia può essere eseguita solo se la bocca del paziente è sana, pertanto in presenza di eventuali malattie del cavo orale (carie, infezioni, denti rotti, igiene orale insufficiente, malattia parodontale o altro) sarà necessario curare queste prima di procedere al trattamento ortodontico.