Diversi sono i fattori che possono modificare il colore dei denti: il fumo, l’avanzare dell’età, i pigmenti colorati contenuti in cibi e bevande, alcuni farmaci. L’estetica del nostro sorriso viene così compromessa dal formarsi di macchie gialle o rosse o nere.Diversi sono i fattori che possono modificare il colore dei denti: il fumo, l’avanzare dell’età, i pigmenti colorati contenuti in cibi e bevande, alcuni farmaci. L’estetica del nostro sorriso viene così compromessa dal formarsi di macchie gialle o rosse o nere.

Lo sbiancamento laser assistito è la soluzione più efficace per ridare luminosità al sorriso, eliminando macchie e pigmenti e restituendo un colore chiaro e brillante.
Il trattamento si compone di:

  • pulizia professionale dei denti
  • fotografia pre trattamento
  • applicazione del gel a base di perossido di idrogeno
  • irradiazione con la luce laser che attiva il processo di ossidoriduzione
  • rimozione del gel Fotografia post trattamento.

Dopo l’attivazione del laser è necessario un tempo di posa per lasciare agire il prodotto e far sì che i radicali liberi penetrino all’interno delle molecole iperpigmentate frantumandole; i denti appaiono, dopo il trattamento, più bianchi e splendenti. L’effetto sbiancante raggiunge il massimo della visibilità dopo qualche giorno dall’esecuzione.

Nei 2/3 giorni successivi al trattamento sbiancante è raccomandabile non assumere bibite con coloranti artificiali, caffè, astenersi dal fumo, evitare caffè e tè.Al fine di prolungare l’effetto dello sbiancamento laser è consigliata un’accurata igiene giornaliera a casa ed un’igiene professionale ogni 6 mesi.
Prima di effettuare uno sbiancamento con laser è necessario accertarsi che non vi siano carie, gengiviti, pulpiti o presenza di tartaro. Non è possibile effettuare lo sbiancamento qualora vi siano denti ipersensibili o gravemente danneggiati, in presenza di patologie croniche gravi.