La sterilizzazione è l’insieme delle procedure cliniche preposte alla prevenzione delle infezioni mediante un processo chimicofisico che porta all’eliminazione di ogni forma microbica vivente, sia patogena che non, comprese le spore. Ogni oggetto che entra in contatto con cute o mucose del paziente deve essere sterilizzato.La sterilizzazione è l’insieme delle procedure cliniche preposte alla prevenzione delle infezioni mediante un processo chimicofisico che porta all’eliminazione di ogni forma microbica vivente, sia patogena che non, comprese le spore. Ogni oggetto che entra in contatto con cute o mucose del paziente deve essere sterilizzato.

Il processo di sterilizzazione dei dispositivi medici utilizzati per la cura e l’assistenza dei pazienti che si affidano al nostro studio costituisce un momento fondamentale del percorso diagnosticoterapeutico.Da sempre nel nostro studio poniamo grandissima attenzione al rispetto dei protocolli operativi ed all’utilizzo delle attrezzature moderne e regolarmente revisionate, necessarie a garantire un ambiente di lavoro sicuro che offra protezione e garanzie ai pazienti ed agli stessi operatori.

Gli strumenti e le attrezzature che utilizziamo vengono sottoposti ad un procedimento di sterilizzazione convalidato che gode di un ambiente clinico dedicato. Per prevenire possibili contaminazioni l’ambiente è separato in un’area che accoglie gli strumenti per la decontaminazione ed un’area in cui vengono eseguite le procedure di disinfezione e sterilizzazione.

 Il processo di sterilizzazione è suddiviso in più fasi che assicurano la qualità della procedura riducendo i rischi di contaminazione accidentale:

  1. Raccolta – si inizia con la raccolta dei materiali utilizzati, in quanto contaminati vengano collocati in contenitori rigidi chiusi.
  2. Decontaminazione – assicura l’abbattimento della carica batterica e l’apatogenicità degli strumenti. Viene effettuata mediante immersione a freddo in vasche con principio attivo.
  3. Lavaggio – ha lo scopo di rimuovere materiale organico e residui di vario tipo. Si effettua mediante l’utilizzo di vasche ad ultrasuoni, i risultati sono un fenomeno fisico di microspazzolatura e un effetto detergente prodotto dalle sostanze chimiche presenti nel bagno ad ultrasuoni ad altissima frequenza e ad alta temperatura.
  4. Risciacquo – si procede ad un risciacquo del materiale con acqua per rimuovere residui di detergente.
  5. Asciugatura – si provvede ad una accurata asciugatura del materiale, con pistole ad aria compressa.
  6. Controllo e manutenzione – i materiali vengono accuratamente controllati in tutte le loro parti per garantire il funzionamento e l’integrità del prodotto a tutela l’attività chirurgica.
  7. Confezionamento – l’utilizzo di buste termosigillate garantisce il mantenimento della sterilità degli strumenti una volta terminato il processo di sterilizzazione in autoclave.
  8. Sterilizzazione – i set di strumenti vengono sterilizzati mediante l’utilizzo di autoclave di ultima generazione in classe B con vuoto frazionato di tipo ospedaliero (conforme normativa EN 13060) ad alta temperatura e pressione. Il calore umido sotto forma di vapore viene sottoposto a pressione, raggiungendo temperature superiori ai 134°C, ottenedo le condizioni sterilizzanti: si tratta del più avanzato sistema di tipo ospedaliero con controllo e memorizzazione dei cicli di sterilizzazione che garantisce la massima sicurezza nel pieno rispetto della salute dei pazienti e conforme alle più severe norme nel campo della sterilizzazione.
  9. Stoccaggio – ogni confezione sterile viene conservata nel locale adibito al processo di sterilizzazione.

SICUREZZA

Ci vogliamo soffermare su quest’ultimo punto che in realtà riteniamo tra i più importanti per noi e per i nostri pazienti.

  1. Radioprotezione – Questo studio rispetta gli obblighi di radioprotezione (sorveglianza fisica e controllo di qualità) derivanti dalla detenzione ed uso di apparecchiature radiologiche (D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 230). In generale, le esposizioni alle radiazioni ionizzanti sono mantenute al livello più basso ragionevolmente ottenibile, compatibilmente con le esigenze diagnostiche odontoiatriche. Al fine di tutelare al massimo la salute dei nostri pazienti utilizziamo solo apparecchiature radiologiche con sensori digitali (che riducono l’esposizione ai raggi a circa un quinto rispetto a quelle tradizionali).
  2. Impianti interni  L’impianto elettrico, termico, idraulico e di condizionamento dello studio sono realizzati a regola d’arte secondo le più severe norme ottemperanti i requisiti di Legge (46/1990 e Norme CEI 644), a cui devono sottostare gli ambulatori medici di tipo A. Ogni anno un perito industriale autorizzato verifica l’efficacia dei salvavita e ad anni alterni esegue il controllo dell’efficienza delle terre e dei nodi equipotenziali per la tutela della salute del paziente e del personale nel rispetto delle disposizioni di legge citate. E’ presente inoltre un dispositivo per l’estrazione forzata dell’aria dallo studio che provvede ad eliminare automaticamente l’aria interna e ricambiarla con aria fresca pulita e filtrata.
  3. Rifiuti speciali  Lo studio rispetta l’ambiente, adotta un protocollo di raccolta differenziato dei rifiuti e ha stipulato un contratto con una ditta autorizzata allo smaltimento dei rifiuti speciali e\o pericolosi. (DL n. 22 del 1997)
  4. Riuniti – Le unità operative sono dotate di dispositivi ad alto contenuto tecnologico che salvaguardano la salute del paziente mantenendo controllati anche i circuiti idrici interni con agenti chimici sporicidi, virucidi, fungicidi e battericidi proteggendo dai rischi di infezione crociata.
  5. Controllo periodico – Ogni 6 mesi personale specializzato esegue un checkup completo di tutte le apparecchiature dello studio al fine di verificarne la perfetta efficienza e il rispetto delle norme di sicurezza.
  6. Laboratori Odontotecnici – Tutti i nostri manufatti protesici prodotti dai nostri laboratori odontotecnici sono garantiti e certificati secondo la norma 93/42 (Direttiva Europea).
  7. Materiali e apparecchiature – Tutti i prodotti e le apparecchiature da noi utilizzati per la cura della vostra bocca sono marchiati CE secondo la direttiva europea 93/42. Questa è un marchio di qualità che vi garantisce la massima sicurezza.
  8. Sicurezza informatica – Tutte le cartelle cliniche sono gestite da un sistema informatico che provvede a monitorare tutti i pazienti in cura e in mantenimento e che automaticamente gestisce i richiami periodici. L’accesso al sistema è protetto da password ed è effettuato con credenziali di autenticazione rispondenti alle nuove normative previste dalla legge 196/03. Vengono inoltre effettuate automaticamente procedure di backup e salvataggio, eseguite in maniera metodica e con le protezioni adeguate. Anche i dati trattati con supporti cartacei sono contenuti in appositi raccoglitori custoditi a norma di legge.